Siena: “Il viaggio di Ippolita” fa tappa il 3 settembre

Fa tappa a Siena, il 3 settembre,  “Il viaggio di Ippolita”, rassegna itinerante a carattere interdisciplinare (storia, musica, danza, costume) dedicata alla figura storica di Ippolita Maria Sforza ideata da WKO-ADA, Divisione Danza della WunderKammer Orchestra, a cura di Chiara Gelmetti e Bruna Gondoni, che, partita da Pesaro e da Gradara ad aprile, ha già portato eventi ed iniziative a Milano, Pavia, Bologna, Ferrara e Firenze prima di giungere a Napoli, il 30 settembre, e a Procida, il 1° ottobre. La tappa senese ha la collaborazione del Comune di Siena e dell’Archivio di Stato di Siena che è responsabile della piccola mostra documentaria organizzata per l’occasione ed è organizzata da Angelo Paolo De Lucia e il Capriccio Armonico.

L’evento è incentrato sulla figura di Ippolita Maria Sforza Visconti D’Aragona, secondogenita di Francesco I Sforza e di Bianca Maria Visconti, ed in particolare sul viaggio che la nobildonna intraprese nel 1465 da Milano a Napoli per celebrare il suo matrimonio con Alfonso II d’Aragona, primogenito di Re Ferrante, viaggio che ebbe una forte valenza politica e che toccò quasi tutte le corti italiane. A Siena, notizie provenienti da Napoli indussero il corteo a rallentare la discesa e ad una lunga sosta che durò quasi due mesi, dal 29 giugno al 26 agosto, prima di riprendere il cammino.

IPPOLITA E IL PROGETTO

Ippolita, che nasce nelle Marche (a Pesaro o a Jesi a seconda delle fonti) il 18 marzo 1445, fu una donna coltissima che parlava francese, spagnolo, latino e greco e che portò intellettuali e letterati alla corte di Napoli, interpretando quel pensiero umanistico che ha alimentato lo straordinario rinnovamento artistico e culturale del nostro Rinascimento. Duchessa di Calabria per matrimonio, fu una donna di grande diplomazia ed ebbe incarichi di rilevanza fino a diventare una vera protagonista della scena politica internazionale ma non fu mai regina, perché morì prima che suo marito Alfonso II d’Aragona diventasse re di Napoli nel 1494.

Il suo maestro di danze fu Guglielmo Ebreo da Pesaro, chiamato alla corte milanese dai suoi genitori per educarla all’arte coreutica, il quale sarà presente sia alla festa del fidanzamento sia a quella del suo matrimonio con Alfonso II d’Aragona. Ottima ballerina, a lei Antonio Cornazano, scrittore umanista, dedica il trattato “L’arte del danzare”.

Il progetto, alla sua seconda tappa toscana, connette ricerca e patrimoni storico-culturali della nostra penisola nelle sue diverse realtà locali, una proposta unica nel suo genere, possibile grazie all’impegno delle associazioni dei territori interessati. Attraverso un viaggio fatto di conversazioni, performance e spettacoli di musica e danza si racconterà come, attraverso la grazia e il dialogo, Ippolita riuscì col suo operato in molte occasioni a mantenere la pace. Un monito che ci viene dal passato.

IL PROGRAMMA DI SIENA

Nel lungo soggiorno senese Ippolita fu intrattenuta da feste, danze e banchetti organizzati dalle Corporazioni delle Arti della città per la nobile e numerosa compagnia. In particolare balli e canti con cui la nobildonna fu accolta già al suo arrivo, come raccontato nella Cronaca senese di Tommaso Fecini.

Per rivivere quei tempi e quelle atmosfere appuntamento, dalle 10.30 e per tutta la mattinata del 3 settembre, alla Sala Conferenze dell’Archivio di Stato di Siena con le “Conversazioni attorno a Ippolita Maria Sforza”. Si comincia con l’intervento di Mario Ascheri, già docente di Storia del diritto e delle Istituzioni nelle Università di Sassari, Siena e Roma 3, autore di manuali e monografie sulla storia di Siena, per proseguire con Enrica Sabatini, danzatrice, performer e musicista, ricercatrice nel campo della danza storica, e Ilaria Sainato, musicologa e docente di danza storica, che interverranno sulla danza del Quattrocento a Siena.

A concludere un momento di musica e danza dal titolo “Alla corte aragonese. Musica, danza e canzoni di Amore, Passione e Desiderio” affidata all’ensemble Musica Reservata di Napoli e alla Compagnia italiana della danza storica antica, con le ricostruzioni coreografiche curate da Angelo Paolo De Lucia e Bruna Gondoni.

Nella Compagnia italiana della danza storica antica collaborano Alba Novella dell’Associazione Contrada Alfiere di Bagno a Ripoli (Fi), Capriccio Armonico di Borgo San Lorenzo (Fi) e Associazione danze storiche L’Aura da Castellina di Pistoia.

Nell’occasione sono stati esposti al pubblico, nella Mostra documentaria dell’Archivio, alcuni documenti originali relativi al viaggio di Ippolita conservati nell’Archivio di Stato di Siena.

LE ULTIME TAPPE

30 settembre_1 ottobre, Napoli e Procida

INFO

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. È gradita la prenotazione: as-si.comunicazione@cultura.gov.it

Programma dettagliato su http://www.danzeantiche.org/il-viaggio-di-ippolita-aprile-ottobre-2022/

www.danzeantiche.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...