Siena, osservatorio mense scolastiche: “Anno nuovo problemi vecchi, più uno”

“L’imminente riapertura delle scuole, con i relativi servizi educativi a supporto, ci consente di fare il punto su di una delle note più dolenti degli ultimi anni: il servizio mensa.” Così interviene l’osservatorio “Viva la pappa al pomodoro” di Siena.

“Ci eravamo lasciati a giugno scorso – prosegue l’osservatorio – con una serie lunghissima di problemi che non hanno ancora trovato soluzioni:

1) Ritorno al coccio ed al refettorio ancora un miraggio per moltissimi bambini

Pur essendo venuta meno la legislazione di emergenza legata al covid, moltissimi bambini saranno ancora privati dei refettori e continueranno a mangiare sui banchi utilizzando i vassoi blu con le vaschette le cui foto sono circolate nelle chat dei genitori e sulle pagine facebook dell’Osservatorio “Viva la pappa al pomodoro”. Infatti, alcune scuole per disposizione dei propri D.S. (Peruzzi, Pascoli, Simone Martini, Avignone, Amendola), hanno scelto di non ripristinare i refettori, il che significa scegliere di sacrificare ancora una volta il momento dedicato al pasto. Questi alunni (almeno qualche centinaio) continueranno a vivere il pasto nello stesso luogo dove svolgono l’attività didattica, privandosi nuovamente sia di un piatto degno di chiamarsi piatto (niente coccio per loro!) né di un luogo idoneo alla consumazione di un pasto che permetta magari quello “stacco” anche mentale dalle solite quattro mura di classe.

2) Il cibo che finisce nel cassonetto della spazzatura è tra il 60% e 80% secondo le stime dell’Osservatorio

Nonostante sia previsto dalla legge, il Comune di Siena ed ASP non si sono dotati di un sistema di monitoraggio degli scarti che permetta di comprendere le pietanze non gradite e di modificare adeguatamente il menu. Dai verbali di ispezione della Commissione Mensa (pochi, anzi forse uno soltanto) emergono percentuali di scarti dell’80% per le classi dei bambini più piccoli delle primarie

3) La qualità delle derrate alimentari è bassa e ci sono troppe sostituzioni nel menù dovute a mancate forniture

I bandi per la fornitura delle derrate alimentari, contrariamente alle indicazioni contenute nei CAM (criteri ambientali minimi) del ministero dell’Ambiente e della Salute, sono ispirati unicamente dal criterio del massimo ribasso senza incentivare la fornitura di filiera corta e di prossimità. Questo oltre a determinare un abbassamento preoccupante della qualità delle materie prime ha permesso l’aggiudicazione di molti lotti ad aziende del Nord Italia che spesso, dato l’attuale contesto di aumenti del costo dei trasporti, non trovano convenienza nell’approvvigionare i magazzini della mensa. Si ricorderanno, negli scorsi mesi, le numerose sostituzioni avvenute nel menu a causa del mancato approvvigionamento con prodotti pre-processati di qualità inferiore (affettati, tonno in scatola, etc.)

4) Ancora nessuna soluzione per il “menu sciopero”

In occasione dell’indizione di scioperi in serie da parte di alcune sigle sindacali minori (negli ultimi anni il fenomeno ha riguardato mediamente 20gg all’anno) viene automaticamente proposto ai bambini, anche nel caso di mancata adesione allo sciopero da parte del personale di ASP, il cosiddetto “menu sciopero” che comprende pasta in bianco, tonno in scatola e schiacciata. Riteniamo si debba trovare una soluzione al più presto che consenta ai bambini di ricevere un pasto adeguato nel caso di mancata adesione allo sciopero da parte del personale. In alternativa, dovrebbe essere consentito alle famiglie di far portare il pasto da casa e di non pagare la corrispondente quota della mensa al Comune

5) Commissione Mensa a cosa serve?

Durante il Covid il Comune di Siena si è distinto per non aver mai riunito la Commissione Mensa. Dopo la sollecitazione dell’Osservatorio questo organo è stato convocato ma tranne un paio di sedute – una mitica dove abbiamo assistito alla fuga dalla porta di servizio dell’assessore Benini – non abbiamo ben capito cosa la Commissione ha ottenuto. E’ necessario che questo organo non solo si riunisca più spesso, ma che faccia un calendario di ispezioni (non concordato ma a sorpresa) nella cucina centralizzata e nelle scuole. Serve poi che la Commissione spinga e costringa l’Asp a dotarsi per legge di un sistema serio di misurazione degli sprechi perché anche questo dato ci dà un feedback sulla qualità e sul gradimento della mensa.

6) Un problema in più: l’aumento a 2 euro per le famiglie non residenti

Su tale aspetto la posizione dell’Osservatorio “Viva la pappa al pomodoro” è molto chiara: tutti colpevoli! Richiamiamo tutti gli interlocutori (Comune di Siena e Comuni Contermini) ad un maggiore senso di responsabilità verso le condizioni delle famiglie soprattutto in questo particolare momento di crisi dovuto ai rincari che stanno affliggendo la capacità di spesa dei cittadini.

Chiediamo che si smetta di fare propaganda politica sulle spalle delle famiglie e che vengano convocati dei tavoli di confronto (istituzionali e non a mezzo stampa, questi ultimi buoni per fare solo un po’ di propaganda a buon mercato!) tra i comuni interessati per addivenire ad una convenzione che permetta a tutti di usufruire delle agevolazioni ISEE previste per legge.

Ricordiamo che la legge prevede che i costi dei servizi a domanda individuale (quale è il servizio mensa) possano essere recuperati sui cittadini (senza distinzione tra residenti e non residenti) per un importo massimo relativo al costo effettivo sostenuto (dagli atti disponibili per il Comune di Siena, salvo smentite finora mai pervenute da parte dell’Amministrazione, dovrebbe aggirarsi sui 6-6,5 euro compreso il servizio di porzionatura) e non gli 8 euro imposti alle famiglie da parte del Comune di Siena.

Riteniamo – conclude l’osservatorio “Viva la pappa al pomodoro” – che questo arbitrario aumento a danno delle famiglie non residenti sia prodromico ad un aumento generalizzato del costo della mensa che a breve (dopo le elezioni amministrative riteniamo) sarà esteso anche a tutte le famiglie residenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...