Siena: Bruno Valentini (PD) interroga sulla mancata realizzazione di progetti culturali

Bruno Valentini (Pd) interroga il Sindaco sulla mancata realizzazione di progetti culturali illustrando in primis quello <<annunciato nel giugno 2020 e denominato “Arte al centro”, che avrebbe dovuto coordinare i Comuni di Firenze, Perugia e Siena in un’azione concertata di promozione ad hoc, coinvolgendo i direttori dei musei delle tre città, formulando pacchetti di offerta competitiva da proporre ai turisti alla scopo di allungarne la permanenza>>. <<Un piano – ha proseguito Valentini – che ha fatto emergere dubbi, riportati anche dalla stampa, a cui è seguita la pubblicazione (luglio 2020), in risposta, di una lettera del Sindaco, dal titolo ‘L’alleanza Siena- Firenze-Perugia è tutto fuorché solo un annuncio’ citando ipotetici tavoli di lavoro, e il coinvolgimento dei dirigenti dei settori interessati delle tre amministrazioni”. Progetto questo che non ha visto nessun sviluppo successivo>>. Valentini ha continuato dicendo che: <<il primo cittadino ha anche dichiarato più volte che si sarebbe sviluppata una grande collaborazione fra gli Uffizi, il Santa Maria della Scala, l’Accademia Chigiana ed il complesso del Duomo di Siena, e che, inoltre, nell’ambito del progetto “Uffizi diffusi” si sarebbero potute organizzare due esposizioni al Santa Maria con artisti non senesi e anche di sculture, ma alcun seguito in tal senso, anzi lo stesso progetto sembra, al momento, procedere senza che Siena venga mai citata negli atti ufficiali dove compaiono invece Pescia, Anghiari, Lucca e Montelupo. Inoltre, si è appreso che gli Uffizi starebbero preparando un’importante mostra sul Seicento senese a Firenze e non nella nostra città, col possibile prestito di opere attualmente qui presenti. A ciò si aggiunge che, lo scorso ottobre, Bergamo, Parma e Alba hanno costituito un distretto basato sul cibo e sul patrimonio culturale partendo dalla comune appartenenza al network delle Città creative Unesco, e dichiarando di essere aperte anche ad ulteriori adesioni. Aspetto questo che potrebbe interessare anche la nostra città considerando che la stessa è città Unesco e che è stata Capitale italiana della cultura nel 2015 come Parma nel 2021>>. Nel concludere, il consigliere ha fatto presente che <<in concomitanza con la presentazione dei dati dell’Osservatorio turistico provinciale, i rappresentanti delle categorie economiche hanno chiesto che si rafforzi e si elevi il livello di programmazione di eventi, capaci di attrarre turisti italiani e stranieri, in aggiunta alla statica riproposizione dei pur straordinari asset culturali ed artistici di Siena>>. Per questi motivi, Valentini ha chiesto al Sindaco <<di sapere quali siano al momento gli atti concreti seguiti alla dichiarazioni fatte, e se non sia venuto il momento di rivedere la strategia fin qui perseguita, che non ha portato alcun risultato in termini di alleanze e azioni per potenziare l’offerta culturale, compreso il mancato avvio del progetto di revisione e innovazione del Museo Civico contenuto nella proposta vincitrice del bando 2018 di gestione dello stesso>>.  <<Cercherò di fornirle delle risposte – ha detto L’assessore alla Cultura Sara Pugliese – sulla base di quanto riportatomi, perché, come sa, ho da poco ricevuto la delega alla Cultura e non ho gestito personalmente le questioni da lei menzionate>>. Venendo al quesito sul progetto “Arte al Centro” <<mi è stato riferito che è in corso una piena attività e che è stato elaborato un preciso piano di interventi, proprio nella direzione della crescita della competitività. Siamo nella fase del work in progress e che gli obiettivi di questa intensa attività collaborativa con il Comune di Perugia e con il Comune di Firenze si stanno realizzando>>. Ricordo che l’iniziativa “Arte al Centro” è stata promossa dal sindaco De Mossi e immediatamente fatta propria in piena sintonia di intenti da parte di queste importanti città <<Come neo assessore alla Cultura – ha proseguito – sarà mia premura informare costantemente l’intero Consiglio Comunale sulla progressione dei nostri progetti. Aggiungo, inoltre, che le annualità a cui fa riferimento sono state caratterizzate da una emergenza sanitaria pandemica tutt’ora in corso, che ha determinato un oggettivo rallentamento delle attività. La Fondazione Antico Ospedale Santa Maria della Scala, come già sa, è in attesa del riconoscimento richiesto, nei tempi tecnici necessari>>. Per quanto riguarda l’aspetto dello sviluppo turistico <<il Comune di Siena e, quindi, l’attuale Amministrazione – ha concluso Pugliese – è stata premiata in occasione dell’ANCI Nazionale recentemente svoltosi, quale prima città toscana per il turismo e quale terza città a livello nazionale>>. Valentini si è dichiarato <<imbarazzato nel ricevere una risposta non risposta, visto che tutte le cose che ho chiesto sono ancora a livello “zero”. Me ne dispiaccio, come la stessa città>>.

Ufficio Stampa Comune di Siena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...