Siena: L’interrogazione di Micheli sull’istituzione di soste a pagamento nell’ARU di Valli

L’istituzione di superfici di soste a pagamento interne all’Area a particolare rilevanza urbanistica (ARU) di Valli, nell’interrogazione di Luca Micheli (Pd) nell’assemblea consiliare di oggi. <<La creazione dell’ARU di Valli – ha ricordato il consigliere – nasce dalla volontà espressa dai residenti della zona a seguito di una consultazione popolare effettuata nel febbraio 2018, concretizzatasi poi con la delibera di Giunta n. 132 e, a seguire, con la n. 230 dello stesso anno che ne prevede l’ampliamento con i tratti stradali: di via Enea Silvio Piccolomini tra l’intersezione con via Girolamo Gigli e dei civici 164 e 175, via Folcacchiero Folcacchieri e via Claudio Tolomei>>. Considerata <<la necessità di interventi tesi a disciplinare la sosta nei quartieri limitrofi al centro in modo da migliorarne la vivibilità>>, Micheli ha chiesto <<quali azioni l’Amministrazione intende intraprendere e con quale tempistica voglia procedere, anche in ottemperanza del piano urbano della mobilità sostenibile, all’istituzione di aree destinate alla sosta a pagamento interne all’ARU di Valli, al fine di trovare una soluzione soddisfacente per i residenti>>. Nel rispondere all’interrogazione il vice sindaco ha dichiarato che <<l’Amministrazione intende procedere nei prossimi mesi all’attuazione dell’ARU di Valli specificando che fino ad ora si è occupata di definire alcuni interventi propedeutici e complementari al progetto stesso quale il parcheggio scambiatore della Coroncina e il miglioramento della sicurezza stradale del tratto di via Piccolomini anche nell’ARU con il rialzamento degli attraversamenti pedonali presenti. Questo perché nell’area in oggetto, oltre alla sosta, è stata riscontrata un’altra criticità ovvero la sostenuta velocità dei veicoli che la percorrono. Il comma 8 dell’art. 7 del Codice della Strada definisce infatti “zone di particolare rilevanza Urbanistica” aree opportunamente individuate e delimitate dalla Giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico. Per tanto – ha proseguito Corsi – le ARU necessitano anche di un miglioramento della fruibilità del quartiere e in particolare della percorribilità pedonale. Ecco perché è stato deciso di intervenire sul rialzamento di un paio di attraversamenti in zona e di inserire tale progetto nel Bando sulla sicurezza stradale 2020 della Regione Toscana con scadenza di presentazione della domanda il prossimo 15 settembre. Un lavoro che potrebbe comportare una modifica degli stalli di sosta in prossimità degli stessi. Ragione per la quale è stato deciso di intervenire sulla segnaletica dell’ARU successivamente. Inoltre l’Amministrazione sta portando avanti il progetto di installare un parcometro in via Folcacchieri insieme a Siena Parcheggi che inizialmente, doveva essere allacciato al punto di fornitura dell’Enel più prossimo ovvero all’angolo tra via Piccolomini e via C. Tolomei comportando uno scavo sul marciapiede di circa 150 metri. Alla luce di ciò stiamo valutando di utilizzare un modello a pannelli solari che purtroppo non ha le medesime prestazioni soprattutto per i tempi di risposta al pagamento con carta di credito. Inoltre si è voluto ritardare l’attuazione dell’ARU affinché risultasse quanto più prossima alla realizzazione degli interventi di riqualificazione e ampliamento del parcheggio della Coroncina che è il parcheggio scambiatore di riferimento del quartiere: servito dalla linea Pollicino 51 che impiega 6 minuti a raggiungere la fermata di Valli e 12 minuti Piazza del Mercato. E’ prevista inoltre anche una riqualificazione della fermata TPL dello scambiatore con rialzamento della carreggiata in corrispondenza della zona di fermata per un miglioramento sensibile della sicurezza degli utenti stessi>>. Micheli si è dichiarato insoddisfatto ricordando che: << il progetto ARU va avanti da due anni. Vedendo anche quello che succede in altre importanti città del nord Europa ritengo che non sia necessario aspettare che sia pronto il parcheggio scambiatore per realizzare una zona ARU. Soprattutto perché bisogna dare ascolto a chi abita e lavora in questa zona che si trova in difficoltà e che vantano maggiori diritti rispetto a chi utilizza la zona come parcheggio di attestazione alla città. Mi sarei aspettato una maggior solerzia nella realizzazione di questo progetto visto che sono già due mesi che il piano della mobilità è stato adottato. In tal senso mi aspettavo un’accellerazione>>.

Fonte. Ufficio Stampa Comune di Siena

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: