Siena: ”Rosso Purosangue”, in mostra a Siena opere di artisti che hanno dipinto il Palio

La storia di Siena passa dal Palio, per questo i drappelloni rappresentano momenti ben precisi di vita vissuta della città. E’ così che una mostra con opere di alcuni artisti che hanno dipinto il Palio è qualcosa di magico e unico.

Si chiama ‘Rosso Purosangue’ ed è la rassegna che apre sabato prossimo, 2 novembre, a Siena in Palazzo Scotti (inaugurazione alle 18). L’esposizione composta da opere di pittura e scultura ispirate al colore “rosso purosangue” resterà aperto fino al 16 novembre in orario pomeridiano (14 – 18). Ad arricchire bellezza e creatività delle opere degli artisti del palio anche il luogo che propone, grazie alle sue finestre, uno sguardo unico su Piazza del Campo con di fronte il Palazzo Comunale proprio a pochi metri sopra la famosa ‘mossa’. Il “Siena Experience Italian Hub”, è la nuova realtà culturale nata a Siena pochi mesi fa, che fa da cornice alla mostra; con la sua prestigiosa sede in Palazzo Scotti aggiunge un’atmosfera evocativa riservata agli occhi del visitatore.

La mostra che vuole promuovere l’idea di apertura e di collaborazione tra le realtà culturali presenti in città, si inserisce nell’ambito della manifestazione “Sangiovese Purosangue”, co-organizzata dal Comune di Siena e dall’Enoclub. Il “Siena Experience Italian Hub”, è uno spazio in cui vengono offerti non solo corsi e workshop a studenti e turisti provenienti da tutto il mondo, ma anche un luogo dove la tradizione italiana incontra l’innovazione, la creatività e l’arte.

Gli artisti coinvolti nella mostra hanno avuto l’incarico, da parte del Comune di Siena, di dipingere il Drappellone nei seguenti anni: Tommaso Andreini/ 2016, Laura Brocchi/ 2017, Rita Rossella Ciani/ 2006, Vita Di Benedetto/ 1984, Celso Mireno Ermini/ 1966, Gino Giusti/ 1988, Alessandro Grazi/ 2007, Fabio Mazzieri/ 1985, Claudia Nerozzi/ 2019, Pier Luigi Olla / 1976, Rosalba Parrini/ 2014, Rita Petti / 2005, Ezio Pollai / 1958, Alberto Positano / 2000, Andrea Rauch /2003, Elisabetta Rogai / 2015, Massimo Stecchi /2019 e Mino Maccari, che ha segnato l’inizio delle assegnazioni con nuovi riferimenti estetici nel 1970. I principi ispiratori per le opere esposte sono: il colore rosso puro e astratto, il vino, il cavallo e il sacro. In totale 17 opere più una, di Mino Maccari, olio su del 1925,” Natura morta di frutta e bottiglie di vino”.

La mostra evoca elementi cari a Siena: il rosso che rappresenta il corpo, la passione, la vita; il puro che si rifà all’essenzialità dell’origine e il sangue che racchiude tutta la problematica della vita e della morte. “Tutti questi simboli e questi riferimenti culturali, si sono sovrapposti nelle opere delle pittrici e pittori del Drappellone. Quando l’artista riceve l’incarico dal Comune di Siena entra in un’aurea che difficilmente si riesce a raggiungere in una galleria d’arte. L’opera del Drappellone, che è un’opera di pittura nello studio ma in Piazza del Campo diventa altro. È l’opera che appartiene a tutti. Vincitori e no. E’ il simbolo della rinascita, è il simbolo da toccare, stropicciare, esporre nella Contrada e nella chiesa”. A spiegarlo Fabio Mazzieri ideatore della mostra con la grafica di Alessandro Grazi.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Siena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: